LA MELATONINA: COS’È E A COSA SERVE

 

  1. Cos’è la Melatonina e a cosa serve?
  2. Formulazioni in commercio
  3. Quantità necessaria e modalità di utilizzo
  4. Controindicazioni

Acquista Online su SorgenteNatura.it

La melatonina è un ormone naturalmente prodotto dal nostro organismo e, più precisamente, da quella che viene chiamata ghiandola pineale o epifisi che è una ghiandola endocrina situata nel nostro cervello.

Questo ormone è responsabile del nostro ciclo sonno-veglia, ovvero, del corretto funzionamento del ritmo circadiano.

La melatonina, si è visto in anni di studi, ha numerose funzioni benefiche per il nostro organismo tra le quali quella di regolare l’umore, apportare benefici al sistema nervoso e, la più importante, nonché la più studiata, quella di regolare il nostro sonno.

La sua secrezione è regolata dalla luce, infatti inizia ad essere rilasciata in quantità maggiore quando cala la luce, in risposta ad un mancata stimolazione dei fotorecettori retinici, ed avendo un effetto sedativo sul nostro organismo, induce al sonno.

In parole povere, durante il giorno, i fotorecettori (recettori della luce presenti all’interno del nostro occhio) della retina sono stimolati dalla luce e quando essa cala, o quando semplicemente veniamo esposti ad un ambiente meno luminoso, l’assenza di stimolazione dei fotorecettori induce secrezione di melatonina con conseguente sonnolenza.

Esistono circostanze per le quali alcune persone presentano una carenza di melatonina, ad esempio, i bambini molto piccoli e gli anziani ne producono meno, in questi casi si riscontrano dei problemi a livello del normale ritmo sonno-veglia ma il più delle volte i problemi di sonno dipendono da uno sfasamento del ciclo di secrezione della melatonina piuttosto che da una sua carenza.

Per ovviare a questo problema, è stato ampiamente dimostrato che è utile un apporto di melatonina dall’esterno, ad esempio tramite l’assunzione di integratori che ne contengono in quantità sufficiente da sopperire alla mancanza endogena o compensare lo sfasamento del ciclo della sua secrezione.

La melatonina che troviamo in commercio sottoforma di integratore, è bene precisarlo, non è un farmaco e nemmeno un sonnifero, è semplicemente una sostanza che va ad integrare quella che il nostro corpo produce e che è deputata a regolare il nostro sonno e anche il nostro umore.

I problemi del sonno possono essere classificati in due grandi categorie, nella prima possiamo collocare chi soffre di problemi di sonno caratterizzati da una difficoltà ad addormentarsi ma, una volta addormentato, riesce ad espletare il suo ciclo di sonno, dall’altra parte collochiamo chi non ha difficoltà ad addormentarsi ma soffre di risvegli in piena notte con conseguente difficoltà a riaddormentarsi.

Diciamo che la melatonina è più utile alla prima categoria che alla seconda.

Negli ultimi anni c’è stato un vero e proprio boom dell’utilizzo di melatonina sottoforma di integratore, la sua efficacia è infatti comprovata da molti studi scientifici e chi soffre di problemi di sonno lo trova un ottimo rimedio!

FORMULAZIONI IN COMMERCIO

Esistono in commercio diverse formulazioni, qui sotto vi allego anche i link che vi danno la possibilità di visionare alcuni esempi molto validi ed eventualmente ordinarli direttamente da qua 🙂
capsule: Melatonin 1 Mg  - Ciclo, Sonno e Veglia
Melatonin 1 Mg – Ciclo, Sonno e Veglia
10,99 €

gocce: Melatonina Mille Gocce
Melatonina Mille Gocce
16,90 €

flash-tab da sciogliere in bocca in associazione con l’olio essenziale di melissa.
Melatonina Sublinguale VitaCalm
Melatonina Sublinguale VitaCalm
11,00 €

Melatonina Zinco - Selenio
Melatonina Zinco – Selenio
18,00 €

e anche in spray.

Ha destato parecchia attenzione anche la melatonina a lento rilascio, ovvero formulata in modo tale da non rilasciare subito tutta la melatonina presente all’interno della formulazione ma rilasciarne piccole quantità in un arco di tempo più lungo in modo da mantenere il suo livello costante nel tempo. Questo tipo di formulazione ha riscontrato grande successo soprattutto in quei soggetti che non presentano una particolare difficoltà nell’addormentarsi ma che soffrono di bruschi risvegli durante la notte.

La melatonina si è rivelata molto utile anche nella risoluzione della problematica del jet-lag, ovvero la cosiddetta sindrome del fuso orario, problema che affligge chi viaggia molto e che arreca disturbi, anche gravi, del sonno e dell’umore.

È stata infatti constatata una grande efficacia della melatonina nel contrastare i disturbi del sonno legati a questa sindrome.

QUANTITÀ NECESSARIA E MODALITÀ DI UTILIZZO

Gli integratori a base di melatonina presenti in commercio sono per lo più standard e contengono, a capsula, 1 milligrammo esatto di melatonina, che è la dose necessaria ed ideale per risolvere i nostri problemi di sonno.

È quindi bene, per chi vuole provare questo tipo di integratori, assumere esattamente la quantità indicata sulla confezione che, il più delle volte, corrisponde appunto a 1 milligrammo, poi c’è chi, ovviamente, necessita di una dose maggiore ma il nostro consiglio è di attenersi alle indicazioni presenti negli integratori in commercio ed, eventualmente, parlare con il proprio medico se si crede di avere bisogno di una quantità maggiore, anche perchè per l’acquisto di formulazioni conteneti più di un milligrammo di melatonina è necessaria la prescrizione medica.

L’importante, ad ogni modo,  è la modalità di assunzione.

La melatonina, infatti, va assunta sempre alla stessa ora perché, come detto in precedenza, non è un sonnifero ma un regolatore del sonno.                          

L’ideale è assumerla una mezz’oretta prima di coricarsi.

CONTROINDICAZIONI

Non sono state, ad oggi, riscontrate problematiche a seguito dell’assunzione di melatonina. Certo, in ogni caso se ne sconsiglia un utilizzo estremamente prolungato e si consiglia di assumerla giusto per il periodo nel quale si soffre di problemi al sonno, in particolare è indicata a chi ha problemi nell’addormentarsi, a chi lavora come turnista e chi, ad esempio, è reduce da un periodo particolarmente stressante che ha alterato il suo normale ciclo sonno-veglia.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *